Collaborare con professionisti dei diversi settori riscontrando in loro passione e professionalità mi rende orgogliosa dell’Italia e della mia terra, l’Abruzzo.

In questo ambito alcuni Comuni abruzzesi ed Associazioni, tra cui la GEAV di Chieti, Guardie Ecologiche Ambientali Volontarie, hanno deciso di intraprendere progetti con l’associazione Canbiamente Evolution Asd che partiranno il prossimo anno. Inoltre molto soddisfacente risulta l’interesse delle aziende nel voler sostenere le attività di IAA dell’associazione come la RESPROJECT srl di Pescara, da sempre sensibile e vicino al mondo animale.

Tutte queste sinergie collaborative sono preziose, permettono di creare una rete  del welfare importante, a sostegno di una realtà sociale bisognosa di trovarsi e ritrovarsi. E farlo anche attraverso l’incontro con la realtà animale, significa permettere alle persone coinvolte nei progetti una maggiore tendenza ad esprimere emozioni, una più spiccata libertà espressiva, un aumento dell’interesse e dell’attenzione, una maggiore predisposizione ad aprirsi ai contributi del cambiamento. E’ bello poter constatare, a livello territoriale, come istituzioni, associazioni, professionisti e privati siano sempre più consapevoli dell’importanza degli Interventi Assistititi con gli Animali a livello terapeutico, educativo o ludico- ricreativo per il raggiungimento del benessere psico-fisico delle persone, anche come risorsa aggiunta a percorsi già esistenti di co-terapia.Ed è un grande successo l’aumento della richiesta di progetti al fine di sensibilizzare le persone all’alterità animale che tramite la relazione costituisce fonte di conoscenza, di stimoli sensoriali ed emozionali, accresce la disponibilità relazionale e comunicativa e aiuta nella motivazione e nella partecipazione ed è sorprendente come il coinvolgimento del pet, coadiuvato da un team di esperti, possa offrire un maggiore sviluppo delle competenze attraverso la cura di quest’ultimo.

Stephani Ciancetta
Canbiamente Evolution
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *