INTERVENTI ASSISTITI CON GLI ANIMALI

Da sempre il rapporto uomo-animale ha suscitato interesse da parte di molti, senza però soffermarsi sulle dinamiche relazionali della diade e sulle conseguenze di tale incontro.

L’espressione Pet therapy

è di origine anglosassone e fu coniata dallo psichiatra infantile Boris Levinson che si interessò di questo fenomeno grazie al contributo inconsapevole del suo cagnolino Jingles. Durante una seduta osservò come l’incontro casuale tra il suo cagnolino ed un piccolo paziente avesse fin da subito presentato elementi nuovi e utili per il trattamento del disagio del paziente. Evidenziò un miglioramento nel quadro clinico del bambino da qui la necessità da parte dello psichiatra di approfondire tale tematica.

Grazie a questo, Levinson viene ritenuto il padre della Pet therapy,

Il termine Pet therapy e i presupposti teorici, negli anni si sono evoluti proponendo un rinnovamento del concetto. Inizialmente le figure professionali facevano ricorso agli animali con unica finalità di supporto nella cura di svariate problematiche (disturbi mentali, neurologici etc), oggi l’attività con gli animali ha trovato applicazioni in altri nuovi contesti non solo strettamente terapeutici, ma anche educativi, ludici ricreativi, di utilità sociale, promozione della salute. Come ogni tipo di relazione sana e autentica quella che si instaura con l’animale porta con sé una vasta gamma di benefici che vanno da una maggiore consapevolezza di sé e dell’altro all’ investimento emotivo fino ad una crescita personale. I benefici riscontrati da questa modalità di intervento hanno interessato il mondo scientifico che ha aperto gli orizzonti della ricerca.  Uno dei contributi più esplicativi è stato offerto da un gruppo di ricercatori della Azabu University a Sagamihara, in Giappone, che ha scoperto come lo scambio di sguardi, il prendersi cura di un animale possa essere alla base di un maggiore rilascio dell’ormone ossitocina più comunemente chiamato “L’ormone dell’amore” in quanto interviene nella sfera emotiva e affettiva.

Proprio tenendo conto di tutti gli aspetti descritti, è emersa l’esigenza da parte degli esperti di connotare la Pet therapy in una più vasta gamma di progetti che hanno il fine di migliorare la salute e il benessere delle persone con il coinvolgimento del “Pet”.

Con il patrocinio del Ministero della Salute viene pubblicato il Decreto che contiene le linee guida e gli standard operativi di tutti gli Interventi Assistiti con gli Animali (IAA) http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_opuscoliPoster_276_allegato.pdf

Gli IAA sono candidati per essere riconosciuti nel mondo scientifico in tutta la loro efficacia tuttavia non si pongono come terapia sostitutiva rispetto alle cure che normalmente vengono somministrate ad un utente, bensì come co-terapia.

Affiancare, completare e fortificare il percorso terapeutico, educativo o assistenziale che l’utente sta già seguendo, ponendosi in sinergia rispetto ad esso.

A seconda del piano di interesse possiamo parlare di:

·        Attività assistite con gli animali (AAA)

·        Educazione assistita con gli animali (EAA)

·        Terapia assistita con gli animali (TAA)

In riferimento alla complessità relazionale uomo-animale e alla valenza terapeutica, gli IAA prevedono il coinvolgimento di un’equipe multidisciplinare composta da figure professionali. Come:

·        Medico veterinario esperto in IAA: valuta i requisiti sanitari e comportamentali dell’animale

·        Coadiutore dell’animale: ha la responsabilità di visionare e gestire l’interazione salvaguardando lo stato di salute e di benessere dell’animale

Avendo una propria specificità vi è la possibilità di avvalersi di ulteriori figure professionali a seconda della tipologia di approccio.

Il 24 Agosto di quest’anno sono esattamente 3 anni che la vita di molte comunità del centro italia sono cambiate radicalmente. Qualche mese dopo la prima forte scossa ricevemmo la chiamata di una mamma coraggio che insieme ad altre mamme aveva fondato un’associazione per creare dei servizi alle famiglie e ai bambini rimasti senza casa. […]

Cos’è l’empatia: L’empatia è la capacità di comprendere a pieno lo stato d’animo altrui, sia che si tratti di gioia che di dolore. Il significato etimologico del termine è “sentire dentro“, ad esempio “mettersi nei panni dell’altro“, ed è una capacità che fa parte dell’esperienza umana ed animale. Perché è così importante? L’empatia ci permette di cogliere […]

Cos’è il Mutismo Selettivo? E’ un disturbo d’ansia caratterizzato dall’incapacità di parlare in alcuni contesti sociali, nonostante lo sviluppo e la comprensione del linguaggio siano nella norma. Questo significa che il bambino (o il ragazzo) NON RIESCE a parlare in determinate situazioni, primo fra tutti l’ambiente scolastico. Perché questo accade? Non esiste una risposta, ogni […]

Molti hanno sentito parlare di Pet Therapy, e magari hanno visto delle foto riguardanti ciò, ma, di preciso, cos’è la Pet Therapy? Vediamolo in dettaglio. Innanzitutto è una co-terapia. Cosa significa? Vuol dire che affianca altri tipi di terapie, che possono essere di tipo sanitario e psicologico. Perché? L’obiettivo è quello di ridurre la medicalizzazione, […]

Durante quest’inverno Heidi ha accompagnato Franco, un ragazzino con bassa autostima e difficoltà di socializzazione con i pari, in un percorso volto ad aumentare le sue capacità e di conseguenza l’immagine che ha di sé stesso. Partendo dal presupposto che la Pet Therapy si basa su alcuni aspetti di ordine: motivazionale capaci di suscitare alcuni […]

Quante volte ci è capitato di sentire al notiziario di risvegli dal coma con l’intento di accarezzare il cane o di persone ormai sull’orlo del baratro ma che riprendono in mano la loro vita grazie all’adozione di un amico a 4 zampe? Per fortuna il numero di queste belle notizie a lieto fine è in […]

Collaborare con professionisti dei diversi settori riscontrando in loro passione e professionalità mi rende orgogliosa dell’Italia e della mia terra, l’Abruzzo. In questo ambito alcuni Comuni abruzzesi ed Associazioni, tra cui la GEAV di Chieti, Guardie Ecologiche Ambientali Volontarie, hanno deciso di intraprendere progetti con l’associazione Canbiamente Evolution Asd che partiranno il prossimo anno. Inoltre […]

Quest’anno è stato speciale per Heidi, cagnolona di 3 anni che ha iniziato a lavorare negli interventi assistiti con gli animali (IAA). Partiamo dal principio, cosa sono gli IAA? Sono una co-terapia che si basa sulla triangolazione della relazione con l’animale, facendo perno sulla stimolazione unica che la relazione con l’animale può dare. Perché unica? […]

Negli ultimi decenni la relazione uomo-animale si è sostanzialmente modificata e si è affermata la consapevolezza che da tale relazione l’uomo, in particolare bambini, persone anziane e coloro che soffrono di disagi fisici e psichici, può trarre notevole giovamento. La convivenza con gli animali d’affezione, se correttamente impostata, può rappresentare già di per sé fonte di beneficio per la società e gli animali domestici possono svolgere anche un importante ruolo di mediatori nei processi educativi e terapeutico-riabilitativi.

© Copyright - Marchepet Sede legale Rua G.Garzoni 11 - 63100 Ascoli Piceno P.I. 02330730447 | credits