L’importanza della qualità dei servizi

Molto spesso abbiamo necessità di lasciare i nostri animali in una struttura o ad un operatore per motivi vari.

L’idea di lasciare il nostro amico a qualcuno per un periodo più o meno lungo ci fa provare preoccupazione e magari questo pensiero non ci permette di godere pienamente le nostre vacanze.

Anche per noi di Marchepet è stato così e proprio per questo motivo abbiamo deciso di cercare e valutare sul territorio delle strutture e degli operatori preparati ed eticamente vicini al nostro approccio.

Dog Sitter

Quali sono le attività svolte dal DS?

  • somministrazione di cibo specifico e acqua fresca
  • uscite concordate con il proprietario in termini di numero e durata
  • report informativo sul comportamento generale del cane (se ha mangiato, se ha bevuto, come sono le deiezioni)
  • alcuni casi, somministrazione di farmaci prescritti dal veterinario
  • accudimento generale

Perché scegliere una persona formata?

E’ opportuno cercare una persona formata che conosca il linguaggio del cane, che sappia gestire il cane al guinzaglio, sugli incroci, nelle aree cani, nei luoghi pubblici.

Che sia utile nella gestione del quotidiano ma che di supporto in quelle attività che i proprietari non riescono ad offrire per mancanza di tempo o di attitudine.

Questo al fine di mantenere il cane in uno stato di salute e benessere psico-fisico.

Dog Walker

I cani, proprio come noi, hanno bisogno di fare attività fisica.

Spesso può capitare di scegliere un cane ma non essere completamente consapevoli che si tratta di un animale che particolarmente bisogno di muoversi.

Oppure semplicemente amiamo una vita più sedentaria ma il nostro amico invece ama uscire, socializzare, esplorare, conoscere

Oppure siamo momentaneamente occupati in altro ma…. lui aspetta di fare la sua corsa!

In questo caso un educatore o un operatore cinofilo sono le figure di riferimento da contattare.

Sono infatti figure con una spiccata attitudine all’esercizio fisico, un connubio perfetto con il vostro amico a quattro zampe  che ha una forte predisposizione alle attivita’ svolte anche in ambienti naturali.

Ricordiamoci sempre un detto che vale per tutti gli esseri viventi: mens sana in corpore sano.

Wedding Dog Sitter

Il wedding dog sitter e’ un operatore a cui potete affidare il vostro cane nel giorno piu’ importante della vostra vita.

In questa particolare occasione il wds rimane a disposizione della famiglia del cane per l’intera giornata e anche il cane non subisce un vero e proprio allontanamento dalla sua famiglia.

La giornata tipo del wds e del cane è organizzata sui tempi degli sposi e delle famiglie.

Dopo il primo appuntamento in cui il wds conosce il cane e la sua famiglia, organizza insieme agli sposi la tabella di marcia del grande giorno.
Arriva  in mattinata presso l’abitazione del cane, prepara il  cane, qualche foto con gli sposi,  e poi via, si parte!

Gestione  del cane fuori dalla chiesa, gestione del cane al ristorante, gestione dei momenti liberi.

Spesso gli sposi vorrebbero il cane come parte attiva anche durante la cerimonia e in questo caso l’operatore è fondamentale.

Per questo è molto importante una figura formata che di sicuro proporrà alla famiglia le modalità corrette di svolgimento della giornata.

Normalmente il wds  dispone di un kit  con oggetti e cibo propri e/o forniti dai proprietari del cane.

In caso di necessità di toelettaura è consigliabile non sottoporre il cane a troppi eventi ravvicinati l’uno all’altro. In questo caso l’operatore saprà indicare tempi e modalità corretti e compensare l’eventuale stress con passeggiate rilassanti.

Taxi Dog

L’operatore viene a prendere al suo domicilio per accompagnarlo ad un appuntamento

come ad esempio il veterinario, il toelettatore, la pensione per le vacanze, da un parente, altro.

Non potrà in nessun modo essere un estraneo, anzi, sarà di sicuro un operatore con cui il cane avrà vissuto momenti di passeggiate, uscite e attività varie. L’operatore professionale deve essere fornito di dispositivi di sicurezza per il trasporto qualora il mezzo non sia specificatamente predisposto per il trasporto di animali. Ad esempio cinta, trasportino, kennel, dispositivi altri, sempre a norma di legge.

Home Care

Home care è un servizio in supporto a

1)  persone anziane o non autosufficienti

2) cani malati o altri animali non in salute

1

Nel caso in cui l’intervento sia in aiuto della persona anziana o non autosufficiente è consigliato l’intervento di una figura formata in ambito sociale oltrechè cinofilo.

Questo deve prevedere un’adeguata formazione e una buona dose di empatia.

E’ l’operatore che garantirà le uscite al cane o in caso di altri animali, la corretta custodia di questi.

Saranno decisi insieme ai proprietari tempie modalità di somministrazione del cibo, visite veterinarie, e il soddisfacimento degli altri bisogni tenendo sempre presente il benessere psicologico del pet.

2

Nel caso l’intervento home care sia di assistenza al pet, per l’operatore è un intervento  sempre coordinato con il medico veterinario.

L’operatore, preparato sui segnali e sulla comunicazione del cane, non farà altro che eseguire la prescrizione medica al posto dei proprietari che per qualunque motivo non possono essere tempestivi nella somministrazione delle cure a casa.

Questo tipo di intervento richiede un iter abbastanza rigido,

l’ intervista al proprietario sulle abitudini sia alimentari del pet, l’ annotazione del  numero del veterinario di famiglia, l’eventuale numero dell’educatore, un contatto alternativo che conosca il cane e che possa essere contattato in caso di emergenza

Tutte le precauzioni  del caso sono a tutela e del proprietario, del pet  e dell’operatore

Pensione Casalinga

LA PENSIONE A CASA DELL’OPERATORE

L’operatore va a conoscere il cane a casa sua, in caso di cani conviventi si va in territorio neutro per valutare la compatibilità dei cani.

Se la valutazione e’ positiva si propone la prima permanenza breve nella pensione casalinga che, in caso di esito positivo, potrà ripetersi per 2/3 volte prima di lasciar il cane per il tempo più lungo necessario ai proprietari.

Se la permanenza va a buon fine si conferma la possibilità di affidare il cane in pensione casalinga, se la permanenza evidenzia delle problematiche si può contattare un educatore o rinunciare alla richiesta.

Tra l’operatore e il cane si crea una relazione forte visto che l’operatore diventa un punto di riferimento importante seppure temporaneo.

Pensione a Domicilio

LA PENSIONE A CASA DEL CANE

L’operatore  va a conoscere il cane a casa sua, fa una passeggiata per conoscere i luoghi  a lui  familiari, conosce le sue abitudini, i suoi spazi e i suoi tempi.
Dopo un’adeguata conoscenza si programma un giorno insieme al proprietario  in cui entri in casa (in assenza di quest’ultimo).

Se la preparazione al cane è stata sufficiente ed è stato adeguato l’accreditamento dell’operatore, l’ingresso va a buon fine e si puo’ procedere nel lasciare che operatore e cane possano interagire in autonomia.

In caso contrario l’operatore dovra’ intensificare gli incontri sia in casa che in passeggiata.

In questo caso si crea una relazione importante.

Pensione in Box

Il proprietario e il cane vanno  a conoscere la struttura.

Visitano la struttura e gli spazi insieme al personale di questa che, ricordiamo, dovranno essere a norma sia dal punto di vista della formazione che dal punto di vista legale e igienico-sanitario.

E’ consigliata la valutazione del livello di stress  del cane, per il distacco,  da parte dell’ educatore del cane.

Se la valutazione e’ positiva si propone la condivisione di un’attivita’ con il cane sul posto, coinvolgendo la figura della struttura che si occuperà in seguito della custodia del cane.

E’ SCONSIGLIATA la socializzazione con cani sconosciuti da parte del personale della struttura e senza la supervisione di un educatore, preferibilmente l’educatore del cane ospite.

La valutazione dei rischi nell’interazione con altri cani,  RICORDIAMO, non è solo a tutela del personale della struttura ma anche e soprattutto del cane che si trova già ad affrontare un soggiorno senza i proprietari, in un luogo sconosciuto, con persone sconosciute e senza punti di riferimento.

Non si tratta soltanto di prevenire incidenti ma anche e soprattutto di rispettare il cane che molto spesso porta a casa segni di un forte stress vissuto, segni  non evidenti agli occhi di persone inesperte ma che poi si esprimono con casi di dissenteria, magrezza ingiustificata, comportamenti problematici  fino a quel momento inespressi.

E’ importante la scelta del box e dei vicini di box.

E’ auspicabile la crescita di  una relazione con l’ambiente e gli operatori che diventano un punto di riferimento importante.

Asilo per cani

L’asilo con approccio CZ è l’ultima frontiera dei servizi.

In cosa consiste: lascio il mio cane per qualche ora o per tutto il giorno presso un campo coperto/indoor ad un educatore/operatore cinofilo competente, in una struttura a norma.

Perchè: ho delle giornate impegnative con il lavoro o impegni extra e non posso garantire al mio cane le uscite più lunghe oppure mi rendo conto che i ritmi di casa sono molto intensi con la scuola, i bambini ecc..
e l’asilo per cani  è un modo per aiutarmi a garantire al mio cane un po’ di tempo all’aria aperta in compagnia di altri cani selezionati idonei per la socializzazione del mio cane.
Attenzione!!!! Il servizio di asilo non deve sostituirsi al proprietario, ma solo essere utile in alcuni momenti!

Come: Porterò il mio cane in asilo per la prima volta lo stesso giorno che devo lasciarlo?
ASSOLUTAMENTE NO!
In accordo con il professionista farò l’iter della sua conoscenza e del luogo e solo dopo essermi accertato che l’inserimento è stato corretto, che il mio cane non vivrà un disagio e che il professionista ha mostrato competenza ed esperienza, sarò tranquillo di vivere qualche ora pensando di essere libero di occuparmi dei impegni e sereno di sapere che il mio cane è nelle mani di una persona fidata.

© Copyright - Marchepet Sede legale Rua G.Garzoni 11 - 63100 Ascoli Piceno P.I. 02330730447 | credits